ARIA_Davide Groppi

E' una lampada che reinterpreta la luce della lanterna e ne rappresenta una sintesi concettuale.

Un cubo che circoscrive una sfera immaginaria, la luce. 

Un teatrino che contiene la scena ispirandosi alle sculture eteree di Fausto Melotti

Una fonte di luce nomade che ci può accompagnare nei vari momenti della giornata dentro e fuori uno spazio chiuso. Si può impugnare su tutti i lati perché è un telaio aperto.

Un solo materiale, un profilo di alluminio nero di sezione sottile, definisce i 12 lati di un cubo perfetto 30x30x30.

La fonte luminosa a led è invisibile. Inserita su un solo lato del telaio disegna ombre asimmetriche sui piani orizzontale o verticale. 

La scelta di realizzarla con un profilo di alluminio nero è per confonderla in questo gioco di ombre proiettate. 

Una reinterpretazione nostalgica della vibrazione della luce generata dalla fiamma della candela.

ARIA è il nome di un volume puro e vuoto che contiene concettualmente la magia di una luce intangibile.